2017-09-29 09:05:17
Smart working: che benefici ha sul business?
Lavoro agile e produttività: le cose di cui una PMI dovrebbe tenere conto... per fare felici i dipendenti e ottenere più risultati

Smart working: un tema sempre più... caldo

Negli ultimi 2 - 3 anni si è tanto sentito parlare di "smart working": colossi aziendali come Vodafone sono entrati nel mood del lavoro agile iniziando a permettere ai propri lavoratori di esercitare la professione da casa un giorno a settimana, per una maggiore conciliazione dei tempi vita - lavoro.

SMART WORKING: COS'È

Lo smart working è in sintesi proprio questo; o meglio, se prendiamo la definizione presente nel testo del Jobs Act il lavoro agile è 

"una modalità flessibile di lavoro subordinato, che può essere svolto in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, utilizzando strumenti tecnologici, seguendo gli orari previsti dal contratto di riferimento e prevedendo l’assenza di una postazione fissa durante i periodi di lavoro svolti all’esterno dei locali azienda"

Cosa significa questo, nella pratica? In estrema sintesi, il lavoratore ha tempi e modi di lavoro più flessibili, pur nel rispetto delle proprie condizioni contrattuali (per informazioni dettagliate rimandiamo alla bozza del testo del DDL sul lavoro autonomo e smart working).

C'è da aspettarsi che le famose 40 ore settimanali con orario 9 - 18 (classico esempio del business milanese) andranno man mano scomparendo? Se sì, a favore di che modelli? Può accadere di tutto: ma intanto vediamo i benefici dello smart working e perché un'azienda non può più ignorare questo tema.

SMART WORKING: I BENEFICI PER IL LAVORATORE

Anche se il termine "flessibilità" è tutto da interpretare, per il lavoratore si tratta già di una grande conquista: gli viene finalmente riconosciuto il suo diritto a far sì che il lavoro entri in sintonia con la sua vita privata, e non viceversa:

  • Il lavoratore può affrontare in modo molto più sereno la propria vita professionale: a volte sono proprio le resrizioni a pesare, e quando si apre uno spiraglio di flessibilità lo stress si riduce;
  • Il lavoratore riesce a gestire meglio la propria vita privata, con meno stress e minori ripercussioni sull'attività lavorativa;
  • Il lavoratore può lavorare in modo più tranquillo e concentrato: ad esempio può scegliere, nel giorno in cui è operativo da casa, di occuparsi di tasks particolarmente impegnativi.

Niente cambia dal punto di vista del contratto: stesso stipendio, stessi bonus (se presenti), stesso numero di giorni di ferie etc... solo un altro modo di essere produttivi!

SMART WORKING: I BENEFICI PER L'AZIENDA

Non tutte le aziende sono mentalmente predisposte ad applicare la teoria e la pratica del lavoro agile. Ma è una direzione verso cui non si può non guardare: il futuro sarà sempre più "smart", ed è meglio inizare ad adattarsi.

Il cambio di mentalità è uno sforzo che preoccupa, ma che non può che avere ripercussioni positive: se la parola "flessibilità" è super gettonata nelle job descriptions, è anche ciò che molti dipendenti sognano. E allora quali benefici ha l'azienda nel mettere in pratica lo smart working?

  • Meno stress su tutti i fronti: non solo da parte dei lavoratori, che quindi sono più tranquilli e sereni, ma anche da parte di quei vertici sempre pronti a controllare il secondo e a guardare storto se la pausa caffè dura più di 5 minuti;
  • Maggiore produttività: questo è un po' il punto saliente di tutto il discorso. Dipendenti più felici sono maggiormente incentivati a lavorare per l'azienda e a dare il massimo; inoltre nei momenti in cui si è attivi da casa si riesce concentrarsi meglio e a portare avanti incombenze "noiose" e difficili da svolgere in un ufficio affollato. Tutto questo va a favore della produttività aziendale;
  • Risparmio economico: sembra banale, e forse lo è se si pensa a un ufficio di 10 persone. Ma immaginiamo un open space, magari più piani di open space, dove lavorano 100 persone e oltre, e ogni giorno il 20% di loro è in attività da un altro luogo che non sia l'azienda (casa propria, casa al mare, casa in montagna...): i consumi delle utenze, dell'uso di carta, del caffè, dell'acqua etc si riducono notevolmente, e anzi si può pensare di liberare un ufficio sciogliendo il contratto di affitto e facendo ruotare le persone sulle scrivanie rimanenti. Un bel risparmio, no?
  • Sistemi di comunicazione più efficienti: con il lavoro agile, il cloud è una condizione necessaria. Potrebbe essere la volta buona per molte aziende restie affinché dicano basta a costosi hardware e software e passino a interfacce cloud in cui i dati sono sempre accessibili e aggiornati e in cui la manutenzione è ridotta ai minimi termini. Ma soprattutto i dipendenti non si perdono alcun pezzo del processo produttivo.

E tu? Sei pronto per pensare "smart"?

Autore: Claudia Martinelli
Post dal Blog: Web per Professionisti, PMI e grandi aziende
60 persone hanno letto questo post.
ALTRI BLOG
Card e Tessere
Email Marketing
Essere Web Agency
Web per Professionisti, PMI e grandi aziende
AUTORI


OB2.IT - P.IVA - 02948750985
Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001