2017-02-16 10:02:30
PPC: modificare o creare un nuovo annuncio?
Google Adwords, Bing Ads, Facebook Ads: se un annuncio non è performante, che fare?

Pay per click: quando il dubbio è se modificare un annuncio esistente o crearne uno nuovo

Quando si inizia a collaborare con una nuova agenzia di comunicazione, bisogna sia essere in grado di dare il proprio apporto, sia capire come quell'agenzia ha finora lavorato e valutare se adattarsi oppure se farsi promotori del cambiamento. 

I casi sono diversi: si viene chiamati come consulenti per risolvere problematiche operative e di processo, e si presuppone si abbia già alle spalle una certa esperienza per poter dire che questo funziona meglio di quello. Oppure si viene assunti come primo impiego, e allora testa bassa e imparare: ma sempre creandosi una propria idea, facendo tesoro di quello che gli altri ci dicono ma senza mai fermarsi lì.

PAY PER CLICK: UNA DELLE DISCUSSIONI PIÙ ACCESE

Il campo del web marketing è talmente vasto che ognuno trae conclusioni personali dalle proprie eventuali esperienze pregresse, sulla base dei successi o degli insuccessi ottenuti. Le variabili in gioco sono sempre tante: budget a disposizione, tipo di mercato, tipo di cliente. Per questo è impossibile stilare delle linee guida uniche e valevoli in modo universale. 

Una delle discussioni più accese nell'ambito del Web Marketing è relativa alla creazione e gestione di annunci su circuito Google Adwords o Bing Ads. Ma quanto andremo a esprimere vale anche per il PPC sui social: Facebook Ads, ad esempio. 

Abbiamo parlato poco tempo fa di come scegliere le parole chiave delle campagne PPC: anche in quel caso abbiamo visto quanti parametri diversi ci sono e quante considerazioni differenti si possano fare. Un altro "main topic" di quando si creano e gestiscono campagne pubblicitarie Pay Per Click per conto di clienti è: quanti annunci creo? E se non vanno bene li modifico o ne creo di nuovi?

PAY PER CLICK: QUANDO MODIFICARE UN ANNUNCIO

A nostro avviso, le modifiche sull'annuncio vanno fatte con cautela e solo quando non rappresentano un cambiamento pressoché totale dell'annuncio stesso.

Ci spieghiamo meglio: se nell'analisi dell'andamento di una campagna ci si rende conto che ad esempio il testo dell'annuncio non è poi così perfetto come l'avevamo visto all'inizio, possiamo valutare di modificarlo ma solo se questa modifica è una sottigliezza e non rappresenta un cambiamento "strutturale". Lo stesso vale per le parole chiave: se ne abbiamo già inserite 15 e vogliamo aggiungerne 2 che sono varianti delle altre, non è necessario creare un nuovo annuncio: possiamo modificare quello esistente.

Ma possiamo dire la nostra? Secondo noi è meglio tenere traccia di quanto fatto finora: preferiamo dunque creare un nuovo annuncio.

PAY PER CLICK: QUANDO CREARE UN NUOVO ANNUNCIO

Questa è l'opzione che suggeriamo. Lo storico è importante per:

  • Analizzare e recuperare eventuali imperfezioni del passato;
  • Controllare quanto fatto per migliorare il presente;
  • Vedere la differenza tra il prima e il dopo.

Anche un lavoro di editing per noi piccolo e insignificante può avere una rilevanza enorme. Un esempio? La "d" eufonica

Prendiamo come esempio il testo di un annuncio: "I topi continuano ad infastidirti? Disinfesta la tua cantina!". Anche se molti non notano la differenza, a qualcuno la "d" eufonica dà fastidio, e per loro il testo è molto più scorrevole in questo modo: "I topi continuano a infastidirti? Disinfesta la tua cantina!"

Provate a leggere ad alta voce: la "d" eufonica dà al testo un sapore totalmente diverso.

Anche se sembra banale, un esperimento di questo tipo in una campagna PPC potrebbe dare riscontri decisamente interessanti: l'annuncio con la "d" eufonica non va molto bene? Proviamo a toglierla. Ma senza modificare il testo: ne creiamo uno nuovo. E il testo precedente?

  1. Ipotesi A: lo mettiamo in pausa
  2. Ipotesi B: li facciamo girare contemporaneamente al 50%.

Ma come? Un nuovo annuncio per un così piccolo cambiamento? Beh, perché no?

PAY PER CLICK E CREAZIONE DI UN NUOVO ANNUNCIO: IMPORTANZA DELLO STORICO

Ci teniamo a sottolineare l'importanza dello storico: ogni azione passata, di successo o meno, è un'indicazione importante per le future strategie. Cancellare significa perdere per sempre: invece affiancare una variante diversa vuol dire avere sott'occhio il confronto e poter analizzare e comparare le performance.

Certo, poi dipende dai casi: se si gestiscono centinaia di campagne al mese e si ha un account estremamente articolato, allora diventa più comodo apportare lievi modifiche all'annuncio anziché crearne uno nuovo. Però se si ha tempo e, soprattutto, se si è agli inizi dell'attività, mantenere la storicità di quanto fatto è fondamentale per crescere ed evolversi.

Non sottovalutiamo ogni minimo cambiamento: una volta può essere una "d" eufonica a fare la differenza, un'altra volta può essere la 16° keyword che inseriamo. 

PAY PER CLICK: E LA REPORTISTICA?

E la reportistica, obietterete voi? Verissimo, posso estrapolare il report fino al tal giorno e poi un report dal giorno del cambiamento in avanti, e vedere le differenze di performance. Però la fase di reportistica richiede già una certa esperienza e una capacità analitica che si sviluppa con il tempo: se si è nuovi nel settore, un doppio annuncio con variante più o meno profonda è più immediato da analizzare. 

Il nostro consiglio? Almeno agli inizi della vostra attività tenete sott'occhio ogni piccolo cambiamento, e non risparmiate in numero di annunci, se lo ritenete utile. Meglio farsi le ossa così e poi crescere e ottimizzare, piuttosto che partire subito sicuri di sé nel filtraggio di report e rischiare di perdersi qualcosa di importante.

Autore: Claudia Martinelli
Post dal Blog: Web per Professionisti, PMI e grandi aziende
328 persone hanno letto questo post.
ALTRI BLOG
Card e Tessere
Email Marketing
Essere Web Agency
Web per Professionisti, PMI e grandi aziende
AUTORI


OB2.IT - P.IVA - 02948750985
Sito conforme al prov. n. 229 - 08/05/2014 Codice Privacy in quanto utilizza esclusivamente cookies tecnici
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001